Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
lunedì 30 marzo 2020 ..:: Viaggi » EUROPA » Slovenia » Pescare in Slovenia ::.. Registrazione  Login

 

PESCARE  IN  SLOVENIA

 

La sua conformazione eminentemente montuosa e la presenza di numerosi laghi, fiumi e torrenti dalle acque limpide e per lunghi tratti incontaminate fanno della Slovenia un luogo ideale per la pratica della pesca sportiva.  Qui si possono trovare peculiarità davvero insolite e pressochè uniche come i fiumi carsici (basti pensare al famoso Timavo, che viene inghiottito nella voragine di San Canziano, o al fiume Pivka che percorre le grotte del complesso di Postumia), che entrano ed escono sottoterra dopo lunghi quanto misteriosi percorsi tra caverne e abissi, raffreddandone sensibilmente le acque, oppure una vera unicità come il Cerknisko jezero (lago Circonio), uno specchio intermittente alimentato da bocche sotterranee fungenti alternativamente da sorgenti o da inghiottitoi, capace di trasformarsi in autunno nel più esteso (27 chilometri quadrati) e pescoso lago sloveno, mentre in estate sul suo fondo pascola il bestiame.  In Slovenia esistono parecchi corsi d’acqua che hanno conservato il loro carattere primitivo, circondati da un ambiente naturale e rurale ancora privo di inquinamenti e di industrializzazione esasperata, e una fauna ittica dotata di un elevato grado di rusticità e, di conseguenza, di un ottimo stato di salute. In genere si pesca da marzo-aprile fino a settembre-ottobre con canna da mosca e una mosca artificiale impiegando ami privi di ardiglione, mentre è vietato pescare con il cucchiaino, dai ponti e dalle barche.  Le prede più comuni sono costituite da trota fario, iridea e mormorata, salmerino, temolo, luccio, cavedano, carpa e tinca, spesso di dimensioni ragguardevoli:  una trota pescata nell’alto Isonzo pesava 20 kg ed era lunga oltre un metro.  Sarà bene precisare che la pesca in Slovenia non è a buon mercato:  il permesso giornaliero costa infatti in media dai 50 ai 70 euro, ma nell’interesse di pesce e pescatori è bene così, anche perché le soddisfazioni debbono pur avere il loro prezzo.  Parere evidentemente condiviso da parecchi pescatori italiani (e non solo), che si ritrovano numerosi lungo i fiumi sloveni, soprattutto quelli alpini.  I permessi di pesca si acquistano di solito presso gli uffici turistici o gli alberghi locali.  I corsi d’acqua più pescosi non sono i grandi fiumi come Sava e Drava, bensì corsi minori come Soca (in italiano Isonzo), Idrijca, Sava Bohinjka, Radovna, Unica e Krka, nonché i loro affluenti minori.  La Soca soprattutto, vicinissima all’Italia (vi si accede da Gorizia), è un fiume alpino esteticamente stupendo nel suo tratto superiore, considerato tra i più belli d’Europa, eccezionalmente pescoso e popolato da trote salmonate di rilevante taglia e da una varietà di temolo che vive solo nelle sue acque.  Ma anche altri fiumi possono regalare notevoli soddisfazioni.  La Sava Bohinjka, ad esempio, è un bel fiume alpino che nasce dal selvaggio e incontaminato lago glaciale di Bohinj e il suo basso fondale sassoso ospita trote fario, temoli, cavedani e hucho, qui davvero numerosi.  La Radovna è un torrente alpino dallo splendido contesto ambientale, dove si catturano trote fario e iridee di buona pezzatura.   La Krka invece è un tipico fiume carsico della Dolenjska dal paesaggio bucolico, dove predomina la trota fario.  L’Unica è infine uno dei fiumi carsici più belli e famosi d’Europa, che scorre lento e sinuoso in un paesaggio agreste dopo un misterioso percorso ipogeo, con una ricca e variegata fauna ittica con presenza di trote anche di apprezzabili dimensioni. Non distanti dai confini con l’Italia ci sono anche due alberghi specializzati nell’ospitare pescatori, presso i quali acquistare i permessi giornalieri e che potranno essere prodighi di consigli. Il primo è l’hotel Hvala di Kobarid/Caporetto (tel.00386.5.3899300, www.topli-val-sp.si), ottima base per le valli dell’Isonzo e dell’Idrijca e rinomato per il suo ristorante di pesce fluviale e marino; l’altro è l’hotel Rakov Skocjan di Rakek (tel. 00386.1,7097470, www.h-rakovskocjan.com), nell’omonimo parco naturale carsico, base per i fiumi Unica e Rak e per il lago di Cerknica. Informazioni in italiano sulle possibilità di pesca in Slovenia possono essere attinte sul sito www.slovenia.info, oppure www.slovenia-flyfishing.com in francese e inglese.

 

di ANNA MARIA ARNESANO foto di GIUGLIO BADINI

Copyright (c) 2005 ©IlGotha.it. Diritti riservati.La copia totale o parziale sarà punita a n.d.legge   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation