Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
martedì 2 giugno 2020 ..:: Viaggi » AFRICA » Libia » Il festival di Ghadames ::.. Registrazione  Login


Vola in Perù


 

IL FESTIVAL DI GHADAMES

 

di ANNA MARIA ARNESANO

foto di GIULIO BADINI

 

Il 17-19 ottobre si svolge nella stupenda oasi libica di Ghadames, protetta dal 1986 dall’Unesco quale Patrimonio dell’Umanità per la sua peculiare architettura, il Festival che celebra la raccolta dei datteri, una delle rare e delle più importanti manifestazioni folcloristiche di tutto il Sahara, capace di coinvolgere non soltanto le popolazioni berbere, arabe, tuareg e nere dell’oasi, ma anche quelle confinanti dell’est algerino e del sud tunisino. Il festival si configura con una serie di manifestazioni, spesso improvvisate o programmate all’ultimo momento, di sfilate in costume, di canti, balli e musica delle diverse etnie, di corse dei cavalli e dei dromedari, ma è soprattutto una festa spontanea popolare: in quei giorni ritornano infatti gli emigranti, si riaprono le vecchie case abbandonate nella medina, si indossano gli abiti tradizionali, si celebrano matrimoni o si festeggiano fidanzamenti e ricorrenze. Con la scusa dei datteri, per tre giorni la città fantasma si rianima e ritorna ai migliori fasti di un passato ormai irripetibile. Un’occasione da non perdere per i turisti assetati di esotismo.

 

L’oasi di Ghadames, una delle più belle e importanti di tutto il Sahara, sorge all’estremo lembo occidentale della Libia, quasi ai confini con Tunisia e Algeria. La sua bellezza deriva, oltre che dal florido palmeto a cui si devono i migliori datteri libici, alla peculiarità urbanistica della medina, la città vecchia divisa in sette quartieri ancora racchiusi dalle antiche mura, ognuno autonomo con propri pozzi, piazze, mercati, moschee e madrase raccordati da un labirinto di stradine coperte e non, dove l’ombra e i percorsi tortuosi consentono la circolazione dell’aria fresca ma non quella della sabbia, e dalla singolarità delle sue case, piene di nicchie e armadi a muro, scale incrociate, vetri colorati e specchi per moltiplicare i giochi di luce, con morbide linee armoniche e dipinti naif gialli, verdi e rossi sulla calce bianca che tanto impressionarono l’architetto Le Corbusier. Un capolavoro di ingegneria per l’architettura e l’urbanistica. L’importanza si connette invece alla storia ed alla posizione geografica. Già attivo insediamento romano, e prima ancora garamantico, con il nome di Cydamus (nelle moschee più antiche si trovano colonne e capitelli romani e bizantini), divenne pian piano uno dei principali mercati, il maggiore per gli schiavi, e imprescindibile nodo carovaniero transahariano, prima oasi per quanti dovevano affrontare verso sud le infuocate sabbie del deserto e l’ultima per quanti puntavano ai porti del Mediterraneo, avanti di affrontare le montagne berbere del Jebel Nafusa. Le sue carovane si spingevano ovunque, dal Magreb al Sahara e all’Africa nera, dal Cairo a Timbuctu. Dall’oasi, già prospera per la produzione agricola e l’allevamento, passava ogni genere di mercanzia, contribuendo ad arricchire una classe di mercanti e di carovanieri, mentre l’abbondanza di materie prime contribuì a forgiare provetti artigiani. La città era cosmopolita: arabi, berberi, tuareg e schiavi neri, oltre a commercianti provenienti da ogni dove. Poi nel secolo scorso l’abolizione della schiavitù, l’avvento della motorizzazione e la fine del commercio transahariano ne decretarono il declino, interrotto si spera ora dal turismo.

 

© foto Giulio Badini1
© foto Giulio Badini
© foto Giulio Badini
© foto Giulio Badini
© foto Giulio Badini
IL VIAGGIO

In occasione del Festival di Ghadames l’ operatore milanese  “I Viaggi di Maurizio Levi” (tel. 02 34 93 45 28, www.deserti-viaggilevi.it) propone un itinerario in Libia di 9 giorni  con partenza da Roma il 14 ottobre con voli di linea Libyan Arab Airlines, che oltre a Tripoli e Bengasi ed ai principali siti archeologici della Cirenaica e della Tripolitania (Qsar Libya, Cirene, Apollonia, Tolemaide, Sabrata e Leptis Magna) prevede una giornata nell’oasi. Pernottamenti in hotel 3-5 stelle con pensione completa, guida di lingua italiana, quote da 1.830 euro. Viaggi Levi, specialista sulla destinazione a cui dedica un apposito catalogo, propone il medesimo nonché altri itinerari in Libia sulla costa e nel deserto di varia durata per tutto l’anno.

Copyright (c) 2005 ©IlGotha.it. Diritti riservati.La copia totale o parziale sarà punita a n.d.legge   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation