Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
venerdì 10 aprile 2020 ..:: Ristoranti » Locanda Botticelli ::.. Registrazione  Login

 

Capolavori del gusto

e dello stare bene

Un boccone da Pino Cassano alla Locanda Botticelli,

da sempre nella “eat parade” dei buongustai torinesi

 

TORINO – Si chiama locanda ma non ha camere, solo un ristorante da sempre molto gettonato dai torinesi. Di messer Sandro Filipepi, detto il Botticelli, ha la grazia, i toni, le sfumature, le tinte di una tavolozza di piatti realizzati a regola d’arte, con prodotti freschissimi e stagionali. E a questo punto sorge una domanda: cosa decreta il successo di un locale? Perché si va più volentieri in un posto anziché in un altro? Risposta ben ardua, nella quale entrano in gioco una quantità di sensazioni e sfumature. Azzardiamo: un mix di buona cucina, atmosfera, piacevolezza, prezzo. La Locanda Botticelli mette sulla bilancia tutto questo e altro ancora, sulla cresta del gusto dall’ormai lontano ‘89. Merito di Pino Cassano, arcinoto patron di questo antico e affascinante ristoro della Torino del 1846, stazione di posta e locanda per i viaggiatori dell’epoca che giungevano in città. Oggi, fra le caratteristiche volte di mattoni a vista, patron Pino mette in campo la sua filosofia di sempre: prodotto fresco, atmosfera, ordine e pulizia. Elegante ma senza incutere soggezione, la Locanda Botticelli mette in tavola le sue ben note specialità di mare per cui va famosa, ma senza tralasciare un goloso menù di terra che –perché no- potrebbe anche intrecciarsi con quello di pesce. Noi ci siamo deliziati con un favolso carpaccio di tonno con chicchi di melograno e tapinambur, nonché di un delicato piatto di carne cruda all’albese con porcini. In questo locale tranquillo e non chiassoso, dove si può parlare d’affari come tubare fra innamorati, si spende sui 50 euro a persona bevande comprese (il ricarico nella carta dei vini –ottima la scelta fra buone etichette piemontesi, nazionali ed estere- ci è sembrato estremamente onesto e ragionevole, una volta tanto). L’orata in crosta era squisita ma anche bella da vedere e il sorbetto è fra i migliori del mondo, almeno per il sottoscritto. A pranzo la Botticelli è parecchio frequentata dalla clientela d’affari; la sera il locale è più tranquillo e vi si trovano perlopiù gli habituée, ma si consiglia comunque di prenotare. Su circa 70 coperti, è davvero suggestiva la saletta, perfetta anche per ricorrenze e colazioni di lavoro. Chiude la domenica, non delude mai. Parola di Pino Cassano.

 

Locanda Botticelli
Strada Arrivore, 9
10154 Torino

 Telefono 011 2464662

  

Copyright (c) 2005 ©IlGotha.it. Diritti riservati.La copia totale o parziale sarà punita a n.d.legge   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2020 by DotNetNuke Corporation