Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
martedì 12 novembre 2019 ..:: Viaggi » EUROPA » Portogallo » Azzorre ::.. Registrazione  Login
© foto Giulio Badini
© foto Giulio Badini
© foto Giulio Badini
© foto Giulio Badini
© foto Giulio Badini

 

AZZORRE, GIARDINO

TROPICALE TRA I VULCANI

 

Se non fosse per le previsioni del tempo, che ci comunicano ogni tanto l’arrivo di una perturbazione dovuta all’anticiclone delle Azzorre, di queste isole non ne conosceremmo probabilmente nemmeno l’esistenza. Situate in pieno Atlantico ad un quarto di distanza tra Lisbona e New York, l’arcipelago portoghese delle Azzorre costituisce il lembo più occidentale del continente europeo. La loro presenza ha portato qualcuno a vedervi un residuo dell’antico e mitico continente di Atlantide;  in realtà si tratta delle terre di più recente formazione del pianeta, catapultate alla superficie da un’intensa attività vulcanica sottomarina. La loro natura vulcanica risulta evidente un po’ ovunque, dalla soffice sabbia scura delle spiagge alle innumerevoli colate di lava, dai crateri ai laghi, dai geyser alle sorgenti termali, elementi che determinano il peculiare aspetto ambientale e paesaggistico dell’arcipelago. Scoperte nel 1427 e grandi in tutto un decimo della Sardegna, le Azzorre hanno sempre vissuto una vita tranquilla e appartata, del tutto estranee agli eventi del mondo, conservando intatte nel tempo le vecchie abitudini e le tradizioni del passato. L’abbondanza di pioggia dovuta alla formazione degli anticicloni, un clima di eterna primavera con temperature che oscillano perennemente tra i 14 ed i 21 gradi e un suolo estremamente fertile hanno fatto di queste isole un giardino botanico di acclimatazione: la vegetazione risulta fondamentalmente europea, a cui si mischiano però essenze di tutti gli altri continenti, ma con una densità e un rigoglìo decisamente tropicali, come attesta l’abbondanza di fiori selvatici che spesso offrono immensi tappeti di ortensie, azalee, agaphantes, camelie, ibischi, magnolie, ecc. Piccoli paradisi naturali circondati dall’oceano. Le nove isole componenti l’arcipelago, che presentano caratteristiche geografiche, climatiche e ambientali assai diverse, possono essere raggruppate in tre aree: Santa Maria e Sao Miguel ad est, Terceira, Graciosa, Sao Jorge, Pico e Faial vicine tra loro al centro, Flores e Corvo defilate ad occidente. Santa Maria, che offre belle spiagge e memorie storiche del passato, fu usata come scalo da Colombo al ritorno dal suo primo viaggio americano.  Le Azzorre costituiscono uno degli angoli più remoti e meno conosciuti di tutta l’Europa, a torto trascurate anche dal turismo per l’apparente scomodità ad essere raggiunte, ora che sono venuti meno anche gli scali compiuti in passato dalle crociere transoceaniche. Ma un viaggio in questo arcipelago può rappresentare un’incredibile, piacevolissima sorpresa.

 

Uno dei pochi a programmare viaggi alle Azzorre è l’operatore milanese “Drive Out Viaggi” (tel. 02 48519445, www.driveout.it), specialista in turismo di scoperta, che nell’arcipelago propone due diversi itinerari.  Il primo, della durata di una settimana, tocca Sao Miguel, l’isola maggiore grande tre volte l’Elba, caratterizzata da lussureggiante vegetazione e da intense manifestazioni endogene come crateri, geyser e sorgenti termali di acque e fanghi, offre lo spettacolo di tre lagune immerse nel verde e l’unica piantagione europea di the; Faial, disseminata di ortensie e camelie e dominata dalla mole del vulcano Capelhinos, è la più mondana delle Azzorre, dove nella sua marina si danno appuntamento gli yacht di tutto il mondo e infine l’aspra e scoscesa Pico, antico importante centro baleniero (per coraggio e maestria gli azoreani erano considerati i migliori cacciatori di balene) ai piedi di una montagna di 2.537 metri, massima altitudine del Portogallo.  Quote da 1.350 euro. Il secondo richiede 11 giorni e, oltre alle precedenti, tocca anche Terceira, la più popolata, con palesi manifestazioni vulcaniche e fertili campi separati da siepi di ortensie; il suo capoluogo, Angra de Heroismo, è inserita dall’Unesco nell’elenco del patrimonio mondiale dell’umanità.  Quota da 1.520 euro.  Per entrambe partenze individuali minimo due persone con voli di linea da ogni aeroporto italiano via Lisbona ogni settimana da maggio ad ottobre compresi, pernottamenti in hotel a 3 e 4 stelle, pranzi esclusi, con guida multilingue franco-inglese.

 

di ANNA MARIA ARNESANO foto di GIULIO BADINI

 

 

Copyright (c) 2005 ©IlGotha.it. Diritti riservati.La copia totale o parziale sarà punita a n.d.legge   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation